Eventi

Storie e Storia | Ma perché siamo ancora fascisti? Un conto rimasto aperto

Storie e Storia | Ma perché siamo ancora fascisti? Un conto rimasto aperto

Mercoledì 25 novembre, ore 17.30
Rovereto, Museo Storico Italiano della Guerra

 

Per il ciclo di appuntamenti “Storie e Storia” promosso da Accademia Roveretana degli Agiati e Museo Storico Italiano della Guerra, presentazione del libro


Ma perché siamo ancora fascisti? Un conto rimasto aperto
di Francesco Filippi
Bollati Boringhieri, 2020

Presenta il volume Fabrizio Rasera

 

⇒ L’incontro si tiene on line su piattaforma Zoom. Per partecipare sarà sufficiente collegarsi a questo link: https://us02web.zoom.us/j/86434135339. Il link sarà attivo a partire dalle ore 17.15.

 

Dopo il grande successo di Mussolini ha fatto anche cose buone, Francesco Filippi analizza i motivi che hanno portato tanti nostri concittadini a cadere vittime, ancora oggi, di una propaganda iniziata oltre due generazioni fa. Com’è possibile – ci si chiede in molti – che dopo tutto quello che è successo – dopo una guerra disastrosa, milioni di morti, l’infamia delle leggi razziali, la vergogna dell’occupazione coloniale, una politica interna economicamente fallimentare, una politica estera aggressiva e criminale, un’attitudine culturale liberticida, una sanguinosa e lunga guerra civile… –, oggi ci guardiamo intorno, ben addentro al terzo millennio, e ci scopriamo ancora fascisti? Ma cos’altro avrebbe dovuto succedere per convincere gli italiani che il fascismo è stato una rovina?

Eppure ancora si moltiplicano le svastiche sui muri delle città, cresce l’antisemitismo, un diffuso sentimento razzista permea tutti i settori della società e il passare del tempo sembra aver edulcorato il ricordo del periodo più oscuro e violento d’Italia: a quanto pare la storia non ci ha insegnato abbastanza, non ci ha resi immuni.

Per aiutarci a capire perché, Filippi in questo libro ci racconta molte cose: ci racconta com’è finita la guerra, cosa è stato fatto al termine del conflitto e cosa non è stato fatto, quali provvedimenti sono stati presi nei confronti dei responsabili, quali invece non sono stati presi, cosa hanno scritto gli intellettuali e gli storici e cosa non hanno scritto, cosa è stato insegnato alle nuove generazioni e cosa invece è stato omesso e perché. Soprattutto, ci mostra come noi italiani ci siamo raccontati e autoassolti nel nostro immaginario di cittadini democratici, senza mai fermarci a fare davvero i conti col passato. Che, infatti, non è passato.

 

L’iniziativa è realizzata con il patrocinio di Provincia autonoma di Trento, Comune di Rovereto, Fondazione Caritro.

Consulta qui il calendario completo degli appuntamenti.

 

INFO
Museo Storico Italiano della Guerra onlus
+39 0464 438100 | www.museodellaguerra.it

Accademia Roveretana degli Agiati
+39 0464 436663 | www.agiati.it

 

🗓️ PRENOTA ONLINE IN POCHI SEMPLICI PASSAGGI

Seleziona la data dell’evento a cui vuoi partecipare nel calendario (in verde le date disponibili, in rosso quelle esaurite) e inserisci i tuoi dati. Riceverai un’email con la conferma della prenotazione.