MOSTRE TEMPORANEE 

Standschützen Fronte del Tirolo 1915-1918

CONDIVIDI

Standschützen
Fronte del Tirolo 1915-1918

Museo Storico Italiano della Guerra
Periodo ed orari d’apertura:
dal 4 ottobre 2018 al 31 gennaio 2019
da martedì a domenica | 10-18

Inaugurazione mercoledì 3 ottobre, ore 18

 

Nel maggio 1915, quando si aprì il conflitto con l’Italia, l’Austria-Ungheria era in guerra da dieci mesi e aveva già perso contro la Serbia e la Russia un milione di uomini, tra morti, feriti, dispersi e prigionieri.

Per fare fronte all’apertura di un terzo fronte la monarchia asburgica estese l’età dei richiamati dai 18 ai 50 anni e chiese aiuto alla Germania, che nel giugno 1915 inviò truppe dell’Alpenkorps. Per presidiare il fronte tirolese vennero richiamati anche gli Standschützen, milizie territoriali tirolesi composte da ultracinquantenni e da giovani non ancora diciottenni, iscritti ai casini di bersaglio del Tirolo e del Vorarlberg.

Pur inferiori numericamente rispetto alle forze italiane, gli Standschützen e le poche unità di marcia, insieme alle guarnigioni dei forti, tennero il fronte fino all’autunno 1915, quando i reggimenti Kaiserjäger e Landesschützen vennero trasferiti in Tirolo dalla Galizia e diedero il cambio all’Alpenkorps.

Sebbene il fronte del Tirolo non fosse tra i principali, i combattimenti in montagna sottoposero i soldati ad enormi fatiche: i trasporti, la costruzione di ricoveri, il congelamento e le valanghe furono tra le principali cause di malattia, di infortunio e di morte.

Con il trascorrere del tempo il numero degli Standschützen andò assottigliandosi: oltre alle perdite, i giovani venivano in parte impiegati come lavoratori militarizzati oppure – con il crescere dell’età – erano inquadrati nell’esercito regolare, mentre gli anziani venivano spostati nelle retrovie o congedati.

Le immagini, rare e spesso inedite, sono state scattate tra il 1915 ed il 1918 in zona di guerra: dalle Dolomiti di Sesto alla val di Fassa, dal Lagorai alla Vallagarina. Ritraggono scene di trincea e momenti di vita quotidiana dei battaglioni Standschützen Innsbruck, Enneberg, Bozen, Kufstein, Brixen, Meran, Landeck, Nauders-Ried, Reutte.

Le immagini provengono da archivi e collezioni private, che il Museo ringrazia per la disponibilità.