Percorsi sul territorio

I percorsi sul territorio sono organizzati in due parti.
Il percorso nel Museo (circa 2 ore) permette di analizzare oggetti e documenti, riflettere sull’esperienza dei soldati e sulla trasformazione e organizzazione del fronte durante la Prima guerra mondiale.
Durante l’escursione sul territorio, accompagnati dall’educatore del Museo, gli studenti osservano i resti di trincee e camminamenti, postazioni di artiglieria, ricoveri in roccia…

Le escursioni sono differenziate in termini di durata, stagionalità e impegno fisico.
Le attività sul territorio non sono adatte a ragazzi con problemi motori.
Sono richiesti abbigliamento e calzature adeguati.
Salvo accordi diversi, il pranzo è al sacco.
In caso di maltempo è prevista un’attività alternativa da concordare con la segreteria.
Nei tempi indicati sono compresi gli spostamenti. Gli spostamenti avvengono con il pullman della scuola. L’operatore didattico viaggia con il gruppo (diversamente è previsto un rimborso spese).

Per informazioni su turismo scolastico e soggiorni didattici a Rovereto, è possibile rivolgersi all’APT di Rovereto e Vallagarina (www.visitrovereto.it).


La Grande Guerra e la memoria del conflitto

Nella prima parte i ragazzi visitano il Museo insieme all’educatore; nella nuova sala dedicata ai caduti della Prima guerra mondiale si analizza il processo di costruzione della memoria pubblica del conflitto negli anni ’20-’30, che si concretizzò nell’organizzazione di cerimonie e commemorazioni e nella costruzione di musei, sacrari e monumenti. L’attività prosegue con la visita alla Campana dei Caduti, realizzata a metà degli anni ’20, e il Sacrario militare di Castel Dante che conserva le spoglie di oltre 20.000 caduti.
Giornate: dal martedì al venerdì
Durata: 4 ore (2 ore nel museo + 2 ore visita a Sacrario e Campana e spostamenti)
Costo: 10 € (incluso ingresso alla Campana)


Trincee austro-ungariche e italiane di 
Matassone 

Dopo aver svolto un percorso guidato nel museo, l’attività prosegue a Matassone di Vallarsa, a circa 10 km da Rovereto. In quest’area, a partire dal 1914, il genio austro-ungarico realizzò un campo trincerato con camminamenti coperti, postazioni per mitragliatrici e un rifugio in calcestruzzo armato per l’alloggio della guarnigione. Passato di mano tra i due eserciti nel corso del conflitto, presenta interessanti tracce di questa “doppia” presenza e offre un’ampia vista sulla Vallarsa, il Pasubio, lo Zugna e le Piccole Dolomiti.
Durata: 4 ore (2 ore nel museo + 2 ore visita alle trincee e spostamenti)
Periodo: settembre-primi di novembre, metà marzo-giugno
Costo: 10 €


Trincee austro-ungariche dell’Asmara

Dopo aver svolto un percorso guidato nel museo, l’attività prosegue con la visita del campo trincerato austro-ungarico dell’Asmara, a 8 km da Rovereto. I recenti lavori di ripristino effettuati dalla Schützenkompanie Destra Ades e dall’associazione “1 Territorio 2 Fronti” hanno reso nuovamente percorribili le trincee e le postazioni in roccia realizzate, a partire dal 1915, dall’esercito
austro-ungarico.
Periodo: settembre-novembre, marzo-giugno
Durata: 5 ore (2 ore al museo + 3 ore visita alle trincee e spostamenti)
Costo: 11 €


Trincee italiane del monte Giovo

Dopo aver svolto un percorso guidato nel museo, si raggiunge il monte Giovo, nei pressi dell’abitato di Castione, a 13 km da Rovereto. Il rilievo venne occupato dall’esercito italiano nell’autunno del 1915 e
in breve vennero realizzate trincee, postazioni d’artiglieria e gallerie in roccia, oggi visibili grazie al lavoro di volontari della SAT, dell’ANA di Brentonico e dell’associazione “1 Territorio 2 Fronti”.
Periodo: settembre-ottobre, aprile-giugno
Durata: 5 ore (2 ore nel museo + 3 ore visita alle trincee e spostamenti)
Costo: 11 €


Forte Pozzacchio – Werk Valmorbia

Dopo aver fatto un percorso nel museo, l’attività prosegue con la visita al forte di Pozzacchio, il più moderno tra i forti austro-ungarici in Trentino. Interamente scavato nella roccia, venne abbandonato – ancora completo – allo scoppio della guerra; passato di mano tra i due eserciti nel corso del conflitto e smantellato dai recuperanti nel dopoguerra, è stato riaperto al pubblico dopo importanti lavori di restauro.
Periodo: settembre-ottobre, aprile-giugno
Durata: 6 ore (2 ore nel museo + 4 ore visita al forte e spostamenti)
Costo: 12 € + biglietto di ingresso al forte

Su richiesta è possibile prevedere anche la sola visita al forte di Pozzacchio.


Trincerone del monte Zugna

Dopo aver svolto un percorso guidato nel museo, ci si sposta sul monte Zugna dove si visita l’area storica del “Trincerone”-Kopfstellung, dove l’esercito italiano fermò l’offensiva austriaca del maggio 1916 e dove, grazie a recenti lavori di ripristino, si possono percorrere quelle che erano le prime linee dei due eserciti.
Periodo: settembre, ottobre, maggio, giugno
Durata: 6 ore (2 ore nel Museo + 4 ore visita alle trincee e spostamenti)
Note: accessibile solo con pullman 30 posti
Costo: 13 €

Su richiesta: il percorso può proseguire con la visita delle postazioni italiane della parte sommitale del monte Zugna o con l’osservazione del sole e lezioni tematiche presso l’Osservatorio astronomico promosse dalla Fondazione Museo Civico di Rovereto (tel. 0464 452800).


Campo trincerato austro-ungarico del 
monte Nagià Grom 

Al mattino si effettua un’escursione presso il caposaldo austro-ungarico del monte Nagià Grom (787 m) in val di Gresta, a circa 15 km da Rovereto. La posizione, a difesa del territorio compreso tra Riva del Garda e la valle dell’Adige, prevedeva una trincea perimetrale, camminamenti, baraccamenti, una cisterna per l’acqua, cucine da campo e ampi magazzini, postazioni per artiglierie. L’area è stata recuperata dal Gruppo Alpini di Mori. Al termine dell’escursione ci si sposta al museo dove si svolge un percorso didattico.
Periodo: settembre-ottobre, aprile-giugno
Durata: 7 ore (5 ore visita alle trincee, pranzo al sacco e spostamenti + 2 ore nel museo)
Costo: 13 €


Trincee austro-ungariche del 
monte Creino

Dopo aver svolto un percorso guidato nel museo, ci si sposta a passo Santa Barbara, in val di Gresta. Dopo aver consumato il pranzo al sacco, ci si sposta verso la cima del monte Creino dove, oltre ad uno
splendido panorama sul lago di Garda e le cime del Trentino meridionale ed occidentale, è possibile percorrere le trincee realizzate dall’esercito austro-ungarico e visitare l’osservatorio d’artiglieria scavato nella roccia.
Periodo: settembre-ottobre, aprile-giugno
Durata: 7 ore (2 ore nel museo + 5 ore visita alle trincee, spostamenti, pranzo al sacco)
Costo: 13 €


Trincee austro-ungariche del 
monte Faè

Al mattino si effettua un’escursione sul monte Faè (950 m), in val di Gresta. Grazie al lavoro dell’associazione “Castel Frassem” oggi si possono percorrere le trincee scavate in roccia realizzate prima della guerra dall’esercito austro-ungarico. Al termine dell’escursione ci si sposta al museo dove si effettua un percorso didattico.
Periodo: settembre-ottobre, aprile-giugno
Durata: 7 ore (5 ore visita alle trincee, pranzo al sacco e spostamenti + 2 ore nel museo)
Costo: 13 €

Prenotazione telefonica
da lunedì a venerdì 9.00-12.00, 14.00-16.00

Tel +39 0464 488041
didattica@museodellaguerra.it

Le attività si svolgono da lunedì a venerdì, dalle ore 8.30 alle 18.00, in orario da concordare.

È necessario rispettare gli orari concordati: eventuali ritardi comporteranno
il restringimento dell’attività.

Il museo è ospitato nel Castello di Rovereto e presenta barriere architettoniche: per informazioni contattare la segreteria.

Scopri come raggiungere il Museo.

Per maggiori informazioni scarica le condizioni di visita

La tariffa comprende il biglietto di ingresso al museo e l’attività didattica.

Il pagamento può essere effettuato al momento della visita oppure a ricevimento
della fattura.

Gratuità: insegnanti accompagnatori (max 2 per classe) e alunni con disabilità (certificati).

L’Azienda del Turismo Rovereto e Vallagarina in collaborazione con i musei della città offre numorose proposte di viaggi d’istruzione.
Scarica il pieghevole PDF o visita www.visitrovereto.it.